Ufficio più vicino

Cerca sede

Economia e mercati

4 grafici per mettere in prospettiva le recenti turbolenze

21 mar 2023

Le recenti turbolenze del settore bancario hanno allarmato gli investitori, ma non lasciate che un mese (o un anno) negativo stravolga i vostri piani a lungo termine

Da inizio marzo i mercati hanno navigato in acque turbolente finendo per destabilizzare gli investitori in due modi diversi. In primo luogo, gli operatori hanno dovuto fare i conti con l'incertezza che ha animato i dibattiti sull'inflazione: l'economia si stava ancora surriscaldando o era vicina alla recessione? Già scossi, i mercati azionari sono stati quindi colpiti da due rapidi fallimenti bancari. Gli investitori hanno quindi iniziato a temere il peggio. L'economia era sull'orlo di un'altra crisi finanziaria?

Al momento in cui scriviamo, a distanza di 72 ore, l'intervento delle autorità di regolamentazione e della Federal Reserve (Fed) ha calmato in parte i mercati. Tuttavia, questi fallimenti bancari, i più grandi dal 2008, hanno messo in allarme molti investitori. È una reazione comprensibile; in effetti, benché siano passati ormai 15 anni dalla crisi finanziaria globale, il contagio, la distruzione di ricchezza e le perdite di posti di lavoro che l'hanno accompagnata hanno lasciato cicatrici profonde.

Ci aspettiamo mesi, se non anni, difficili. In uno dei suoi anni più volatili, il mercato è crollato di oltre il 40%. Nel corso di un altro anno, le azioni sono salite del 60%. Eppure, un portafoglio misto di azioni e obbligazioni non ha mai registrato un rendimento negativo su un periodo mobile di cinque anni.1 Inoltre, in un anno medio, il mercato azionario evidenzia un calo da picco a valle di quasi il 15%. Attualmente, il drawdown da inizio anno è dell'8%. Sebbene i ribassi non siano mai indolori, quello che stiamo vedendo sui mercati è, in apparenza, normale.

Pertanto, mentre analizziamo le dinamiche attualmente in atto e valutiamo le relative implicazioni per gli investitori, vi invitiamo a mantenere una prospettiva di lungo termine.

Di seguito presentiamo le nostre tre considerazioni principali.

La crisi di Silicon Valley Bank (SVB) prima e di Signature Bank poi ha suscitato timori di contagio fra gli investitori, preoccupati che molte altre banche regionali potessero andare incontro allo stesso destino.

Ma SVB e Signature Bank erano diverse. Questi istituti avevano infatti concentrazioni insolitamente elevate di grandi depositi, ben al di sopra dei 250.000 dollari assicurati dalla Federal Deposit Insurance Corporation (FDIC). E nel caso di SVB, quasi tutti i depositanti erano costituiti da venture fund e dalle imprese da essi sostenute.

Come ha spiegato Michael Cembalest, Chairman of Market and Investment Strategy, nella pubblicazione Eye on the Market e poi nuovamente la scorsa settimana, meno del 10% dei depositi di SVB proveniva da clienti al dettaglio, considerati generalmente più stabili in quanto decisamente meno propensi a spostare il loro denaro rispetto ai depositanti corporate o istituzionali.

SVB deteneva inoltre un ampio portafoglio di titoli che aveva perso valore lo scorso anno a causa dell'aumento dei tassi da parte della Fed, e anche le obbligazioni a lungo termine della banca avevano subito un calo di valore.

SVB e Signature presentavano una quota di saldi di depositi non assicurati più elevati

Fonte: JPMAM, JPMorgan IB. Dati al quarto trimestre 2022.
Questo grafico mostra la percentuale di depositi al di sopra della soglia di garanzia della FDIC alla fine del 2022 per 20 banche. •SBNY 90% •SIVB 88% •C 85% •FRC 68% •CMA 64% •JPM 59% •WAL 55% •ZION 53% •PACW 52% •CFG 49% •KEY 47% •PNC 46% •TFC 46% •USB 46% •MTB 45% •FITB 42% •BAC 37% •RF 37% •WFC 37% •HBAN 32%

La Fed, la FDIC e il Tesoro hanno intrapreso una serie di iniziative volte a risarcire tutti i depositanti e a fornire liquidità al sistema bancario. Questi strumenti di prestito dovrebbero aiutare a scongiurare alcuni degli scenari peggiori.

D'ora in poi le banche saranno probabilmente più prudenti nelle loro pratiche di prestito. Ciò potrebbe indurre gli istituti a ridurre la quantità di credito erogato alle piccole e medie imprese, con il rischio di frenare la crescita economica. Allo stesso tempo, l'adozione di pratiche di prestito più prudenti potrebbe avere lo stesso effetto di un rialzo dei tassi da parte della Fed, "restringendo" la politica monetaria. Questo potrebbe convincere la Fed a optare per un percorso di rialzi meno aggressivo.

L'altro fattore che distingueva SVB dalle sue omologhe era l'alta concentrazione di depositi nei settori della tecnologia e della sanità/scienze della vita. Signature Bank, da parte sua, era concentrata sul settore delle criptovalute. Oltre un terzo della base di depositi di SVB proveniva da aziende tecnologiche e sanitarie in fase iniziale.

Queste aziende sono spesso (ancora) non redditizie, speculative e digitali. Durante i lockdown, quando la vita di tutti i giorni si è spostata online e i tassi d'interesse erano estremamente bassi, i titoli di queste società sono saliti. Ma ora che le condizioni si sono invertite, gli investitori sono decisamente meno entusiasti riguardo a queste aziende, la disponibilità dei mercati dei capitali nei loro confronti è quasi del tutto venuta meno e la raccolta di capitali si è fatta complicata. La loro stessa sopravvivenza è a rischio, poiché bruciano liquidità senza nuovi afflussi di fondi.

Come abbiamo notato, non riscontriamo questo scenario in altre banche regionali. E questo ci porta a un secondo punto chiave: SVB rappresenta per molti versi l'ultimo (e più grande) esempio della recessione tecnologica che si è verificata negli ultimi sei mesi.

Stando ai dati di layoffs.fyi, solo quest'anno 481 aziende tecnologiche hanno annunciato riduzioni di personale. Ma si osservano alcuni timidi segnali indicanti che l'ondata di licenziamenti nel settore tecnologico potrebbe essersi conclusa. Come emerge dal grafico, infatti, il picco nel numero di licenziamenti di dipendenti del settore tecnologico sembra essere stato raggiunto a gennaio.

L'ondata di licenziamenti nel settore tecnologico potrebbe essere finita

Fonte: layoffs.fyi. Dati al 14 marzo 2023.
Il grafico mostra due serie di dati, una sul numero di dipendenti licenziati in un dato mese e l'altra sul numero di aziende che hanno effettuato licenziamenti in quel mese. Per quanto riguarda il numero di dipendenti licenziati, la serie inizia nel gennaio 2022, quando sono stati licenziati 510 dipendenti. Successivamente, il numero di dipendenti licenziati ha raggiunto un picco di 18.144 nel giugno 2022, per poi scendere e toccare un punto di minimo nel settembre 2022, quando sono state licenziate 5.881 persone. Il numero di dismissioni è quindi tornato a salire raggiungendo un picco senza precedenti nel gennaio 2023 con 84.714 dipendenti licenziati. L'ultimo dato è quello di marzo 2023: finora questo mese sono stati licenziati 16.947 dipendenti. Per quanto riguarda il numero di aziende che hanno effettuato licenziamenti, anche in questo caso la serie di dati inizia nel gennaio 2022 con 4 aziende interessate da licenziamenti. Il numero è quindi aumentato fino a raggiungere un punto massimo nel giugno 2022, quando sono state 196 le aziende che hanno lasciato a casa dipendenti. Successivamente si è registrato un calo con un punto di minimo nel settembre 2022, quando le aziende che hanno licenziato dipendenti sono state 94. Il numero è poi nuovamente rimbalzato per raggiungere un picco nel gennaio 2023, quando i licenziamenti hanno riguardato 269 società. Infine, si è avuto un drastico calo, con l'ultimo dato che si riferisce a marzo 2023. Finora, nel mese di marzo 2023, le aziende che hanno licenziato dipendenti sono 47.

È stato un periodo difficile per l'industria tecnologica in generale, ma per gli investitori potrebbe essere arrivato il momento di iniziare a ricostruire. A nostro avviso potrebbero presentarsi opportunità tra le aziende con strutture dei costi più snelle e modelli di business sostenibili che potrebbero essere valutate a sconto.

L'ironia della sorte ha voluto che il fallimento di SVB avvenisse nello stesso giorno in cui è stato pubblicato un rapporto sull'occupazione di febbraio ideale. L'economia statunitense ha creato 311.000 posti di lavoro a febbraio, mentre la crescita dei salari è scesa ad appena lo 0,2% su base mensile. Negli ultimi tre mesi, l'economia ha creato in media 350.000 posti di lavoro al mese con una crescita dei salari modesta del 3,5%, in linea con il ritmo del 2019.

I rialzi dei tassi hanno fatto qualche danno nei settori immobiliare, finanziario e tecnologico, ma l'economia reale continua ad avanzare lentamente senza creare un'eccessiva crescita salariale.

Crescita salariale in calo rispetto ai massimi

Fonte: Bureau of Labor Statistics, Haver Analytics. Dati al 28 febbraio 2023.
Il grafico illustra i dati relativi alle retribuzioni orarie medie per il totale delle industrie private. È stata presa la variazione percentuale di ogni periodo di tre mesi, che è stata quindi annualizzata per ottenere la serie di dati. Il primo dato è quello di luglio 2006 pari al 2,8%; dopo una serie di oscillazioni al rialzo e al ribasso, il valore ha raggiunto un picco del 24,2% nell'aprile 2020. Subito dopo è sceso a -8,0% nel luglio 2020, per poi rimbalzare al 6,5% nel giugno 2021 fino all'ultimo dato del 3,6% relativo al mese di febbraio 2023.

Cosa ci aspetta? Le turbolenze nel settore bancario freneranno probabilmente l'erogazione di nuovi prestiti, con conseguente rallentamento della crescita economica e dell'inflazione. La Fed potrebbe non dover alzare i tassi così tanto come si pensava fino a poche settimane fa. La brutta notizia è che ciò sarà accompagnato da un aumento dei rischi di recessione.

Nei periodi di volatilità sui mercati riteniamo sia importante tenere a mente alcune cose.. 

  • Attenetevi al vostro piano. Quando si investe una delle tappe più importanti è la definizione di un piano e di un portafoglio consono. Comprendere l'obiettivo di un portafoglio d'investimento e gli strumenti che si utilizzano per raggiungere i risultati può aiutare a prendere decisioni migliori nei momenti di incertezza.
  • Gli episodi di volatilità tendono ad essere ravvicinati. I nostri studi mostrano che sette dei 10 giorni migliori per i mercati azionari degli ultimi vent'anni si sono verificati a non più di 15 giorni di distanza dai 10 giorni peggiori. Se vi foste persi solo i 10 giorni migliori, il vostro rendimento totale si sarebbe ridotto del 4% all'anno, rispetto a un investitore che fosse rimasto investito.
  • Concentratevi sul lungo termine. I mercati possono avere giorni, settimane e anni negativi. Ma su un orizzonte temporale più lungo, possiamo essere molto più certi della gamma di risultati possibili. Nessun portafoglio 50/50 (costituito al 50% da azioni e al 50% da obbligazioni) ha mai generato un rendimento totale negativo su un periodo mobile di cinque anni. Le azioni hanno sempre evidenziato performance positive su un orizzonte temporale di 20 anni.

I rendimenti a lungo termine hanno evidenziato una minore volatilità

Fonti: Barclays, FactSet, Federal Reserve, Robert Shiller, Strategas/Ibbotson, J.P. Morgan Asset Management. I rendimenti mostrati si riferiscono ai rendimenti mensili su base mobile dal 1950 al 2022. Le azioni rappresentano l'S&P 500 Shiller Composite e le obbligazioni lo Strategas/Ibbotson U.S. Government Bond Index per i periodi dal 1950 al 2017, quindi il Bloomberg Finance L.P. Barclays U.S. Treasury Total Return Index dal 2017 al 2022. Il portafoglio 50/50 è ribilanciato mensilmente e non tiene conto dei costi. L'analisi si basa sulla guida ai mercati di J.P. Morgan "Guide to the Markets – Principles for Successful Long-term Investing". *Peggior rendimento effettivo mobile a 5 anni di un ipotetico portafoglio 50/50: -0,068%. Dati al 31 dicembre 2022. I rendimenti passati non sono una garanzia dei risultati futuri. Non è possibile investire direttamente in un indice.
Questo grafico mostra i rendimenti totali annualizzati, dal 1950 al 2022, su base mobile a 1 anno, 5 anni, 10 anni e 20 anni per azioni, obbligazioni e un portafoglio 50/50. Rendimenti annualizzati su base mobile a un anno: • Azioni: range compreso tra il 60% e il -41% con una media del 12,5% • Obbligazioni: range compreso tra il 39% e il -15% con una media del 6,1% • Portafoglio 50/50: range compreso tra il 47% e il -21% con una media del 9,1% Rendimenti annualizzati su base mobile a 5 anni: • Azioni: range compreso tra il 30% e il -6% con una media dell'11,5% • Obbligazioni: range compreso tra il 22% e lo 0% con una media del 6,0% • Portafoglio 50/50: range compreso tra il 23% e lo 0% con una media dell'8,9% Rendimenti annualizzati su base mobile a 10 anni: • Azioni: range compreso tra il 21% e il -4% con una media dell'11,4% • Obbligazioni: range compreso tra il 15% e l'1% con una media del 5,9% • Portafoglio 50/50: range compreso tra l'8,8% e lo 0% con una media dell'8,8% Rendimenti annualizzati su base mobile a 20 anni: • Azioni: range compreso tra il 18% e il 5% con una media dell'11,1% • Obbligazioni: range compreso tra il 12% e il 2% con una media del 5,8% • Portafoglio 50/50: range compreso tra il 14% e il 5% con una media dell'8,7%

Ulteriori tensioni non sono da escludere, ma le autorità politiche hanno gli strumenti per mitigare molti rischi e tracciare un percorso più chiaro per il futuro. Ritrovare una mentalità orientata al lungo termine potrebbe avere lo stesso effetto su di voi.

Per maggiori informazioni, rivolgetevi al vostro team J.P. Morgan

1Fonti: Barclays, FactSet, Federal Reserve, Robert Shiller, Strategas/Ibotson, J.P. Morgan Asset Management. I rendimenti si riferiscono ai rendimenti mensili su base mobile dal 1950 al 2022. Le azioni rappresentano l'S&P 500 Shiller Composite, le obbligazioni lo Strategas/Ibbotson US Government Bond Index per il periodo 1950-2017, quindi il Bloomberg Barclays U.S. Treasury Total Return Index per il periodo fino al 2022. Il portafoglio 50/50 di azioni e obbligazioni è ribilanciato mensilmente e non tiene conto dei costi. L'analisi si basa sulla guida ai mercati di J.P. Morgan "Guide to the Markets – Principles for Successful Long-term Investing". 
Il Bloomberg Barclays U.S.Treasury Total Return Index misura la performance del debito nominale a tasso fisso denominato in dollari USA emesso dal Tesoro statunitense.

Maggiori informazioni su come diventare clienti di J.P. Morgan Private Bank.

Ci fornisca informazioni su di Lei e il nostro team La contatterà.

*Campi obbligatori

Maggiori informazioni su come diventare clienti di J.P. Morgan Private Bank.

Ci fornisca informazioni su di Lei e il nostro team La contatterà.

Inserire nome

> o < non sono consentiti

Only 40 characters allowed

Inserire cognome

> o < non sono consentiti

Only 40 characters allowed

Selezionare il Paese di residenza

Inserire un indirizzo postale valido

> o < non sono consentiti

Only 150 characters allowed

Inserire la città

> o < non sono consentiti

Only 35 characters allowed

Selezionare lo Stato

> or < are not allowed

Inserire il codice ZIP

Inserire un codice ZIP valido

> or < are not allowed

Only 10 characters allowed

Inserire il codice d'avviamento postale

Inserire un codice ZIP valido

> or < are not allowed

Only 10 characters allowed

Inserire il codice Paese

Inserire il codice Paese

> or < are not allowed

Inserire il numero di telefono

Il numero di telefono deve essere composto da 10 numeri

Inserire un numero di telefono valido

> or < are not allowed

Only 15 characters allowed

Inserire il numero di telefono

Inserire un numero di telefono valido

> or < are not allowed

Only 15 characters allowed

Maggiori informazioni sul Suo conto

0/1000

Only 1000 characters allowed

> or < are not allowed

La casella non è selezionata

La tua cronologia recente

Informazioni importanti

PRINCIPALI RISCHI

Il presente materiale è esclusivamente a scopo informativo e può illustrare alcuni prodotti e servizi offerti dalle divisioni di gestione patrimoniale di J.P. Morgan, che fanno parte di JPMorgan Chase & Co. (“JPM”). I prodotti e i servizi descritti, nonché le commissioni, gli oneri e i tassi di interesse associati, sono soggetti a modifica come previsto dai contratti di apertura del conto e possono differire a seconda dell’area geografica.Non tutti i prodotti e i servizi sono disponibili in tutte le aree geografiche. Il cliente con disabilità che necessiti ulteriore supporto per accedere a questo materiale, è pregato di rivolgersi al proprio team J.P. Morgan o di contattarci all'indirizzo accessibility.support@jpmorgan.com per ricevere assistenza. Si prega di leggere tutte le Informazioni importanti.

RISCHI E CONSIDERAZIONI GENERALI

Qualsiasi opinione, strategia o prodotto citato nel presente materiale potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori ed è soggetto a rischi. Il capitale restituito può essere inferiore a quello inizialmente investito e i rendimenti passati non sono indicatori attendibili dei risultati futuri. Le scelte di allocazione/diversificazione di portafoglio non garantiscono un rendimento positivo né eliminano il rischio di perdite. Nessuna parte del presente materiale deve essere utilizzata fuori contesto per prendere decisioni di investimento. Si raccomanda di valutare attentamente se i servizi, i prodotti, le classi di attivo (ad es. azioni, obbligazioni, investimenti alternativi, materie prime ecc.) o le strategie discusse sono idonee alle proprie esigenze. Prima di prendere qualsiasi decisione d’investimento è necessario altresì considerare gli obiettivi, i rischi, gli oneri e le spese associati a un servizio, un prodotto o una strategia. A tal proposito e per informazioni più dettagliate, nonché per discutere di obiettivi/situazione, contattare il team J.P. Morgan.

LIBERATORIA

Si ritiene che le informazioni contenute nel presente materiale siano affidabili; tuttavia, JPM non ne attesta né garantisce l’accuratezza, l’affidabilità o la completezza e declina qualsiasi responsabilità per eventuali perdite o danni (diretti o indiretti) derivanti dall’uso totale o parziale del presente materiale. Non si rilascia alcuna dichiarazione o garanzia riguardo a calcoli, grafici, tabelle, diagrammi o commenti contenuti nel presente materiale, che vengono forniti esclusivamente a scopo illustrativo/di riferimento. I pareri, le opinioni, le stime e le strategie descritti nel presente materiale si basano sul nostro giudizio delle condizioni di mercato attuali e possono variare senza preavviso. JPM non si assume alcun obbligo di aggiornamento delle informazioni contenute nel presente materiale in caso di eventuale variazione delle stesse. I pareri, le opinioni, le stime e le strategie descritti in questa sede possono essere diversi da quelli espressi da altre divisioni di JPM o da pareri espressi per altri fini o in altri contesti; il presente materiale non deve essere considerato un rapporto di ricerca. I rischi e i risultati indicati si riferiscono unicamente agli esempi ipotetici citati; i rischi e i risultati effettivi variano in base alle circostanze specifiche. Le affermazioni prospettiche non dovrebbero essere considerate come garanzie o previsioni di eventi futuri.

Nessun contenuto del presente documento è da interpretarsi quale fonte di obbligo di diligenza da osservarsi nei confronti del cliente o di terzi o quale rapporto di consulenza con il cliente o con terzi. Nessun contenuto del presente documento è da considerarsi come offerta, sollecitazione, raccomandazione o consiglio (di carattere finanziario, contabile, legale, fiscale o di altro genere) fornito da J.P. Morgan e/o dai suoi funzionari o agenti, indipendentemente dal fatto che tali comunicazioni siano avvenute a fronte di una richiesta del cliente o meno. J.P. Morgan e le sue consociate e i suoi dipendenti non forniscono consulenza fiscale, legale o contabile. Prima di effettuare una transazione finanziaria si raccomanda di consultare il proprio consulente fiscale, legale e contabile.

INFORMAZIONI IMPORTANTI SUGLI INVESTIMENTI E SU POTENZIALI CONFLITTI D’INTERESSE

Potranno sorgere dei conflitti d’interesse laddove JPMorgan Chase Bank, N.A. o una delle sue consociate (collettivamente “J.P. Morgan”) abbiano un incentivo effettivo o apparente, economico o di altro tipo, ad adottare nella gestione dei portafogli dei clienti comportamenti che potrebbero avvantaggiare J.P. Morgan. Potrebbero ad esempio insorgere conflitti d’interesse (ammesso che le seguenti attività siano abilitate nel conto): (1) quando J.P. Morgan investe in un prodotto d’investimento, come un fondo comune, un prodotto strutturato, un conto a gestione separata o un hedge fund emesso o gestito da JPMorgan Chase Bank, N.A. o da una consociata come J.P. Morgan Investment Management Inc.; (2) quando un'entità di J.P. Morgan riceve servizi, ad esempio di esecuzione e compensazione delle transazioni, da una sua consociata; (3) quando J.P. Morgan riceve un pagamento a fronte dell’acquisto di un prodotto d’investimento per conto di un cliente; o (4) quando J.P. Morgan riceve pagamenti per la prestazione di servizi (tra cui servizi agli azionisti, di tenuta dei registri o deposito) in relazione a prodotti d’investimento acquistati per il portafoglio di un cliente. Altri conflitti potrebbero scaturire dai rapporti che J.P. Morgan intrattiene con altri clienti o quando agisce per proprio conto.

Le strategie d'investimento, selezionate tra quelle offerte dai gestori patrimoniali di J.P. Morgan ed esterni, sono sottoposte al vaglio dei nostri team di ricerca sui gestori. Partendo da questa rosa di strategie, i team di costruzione del portafoglio scelgono quelle che a nostro avviso meglio rispondono agli obiettivi di allocazione di portafoglio e ai giudizi prospettici al fine di soddisfare l’obiettivo d’investimento del portafoglio.

In linea di massima, viene data preferenza alle strategie gestite da J.P. Morgan. Prevediamo che, subordinatamente alle leggi applicabili e ai requisiti specifici del conto, la percentuale di strategie del Gruppo potrebbe essere elevata (anche fino al 100 %) per i portafogli incentrati, ad esempio, sugli strumenti di liquidità e sulle obbligazioni di qualità elevata.

Anche se le strategie gestite internamente si allineano bene ai nostri giudizi prospettici e sebbene conosciamo i processi d’investimento e la filosofia di rischio e di compliance della società, è importante osservare che l’inclusione di strategie gestite internamente genera un maggior livello di commissioni complessive a favore di J.P. Morgan. In alcuni portafogli diamo la possibilità di optare per l'esclusione delle strategie gestite da J.P. Morgan (al di fuori dei fondi cash e di liquidità).

I Six Circles Funds sono fondi comuni registrati negli Stati Uniti e gestiti da J.P. Morgan, che si avvalgono della sub-consulenza di terzi. Sebbene siano considerati strategie gestite internamente, JPMC non applica una commissione per la gestione dei fondi o altri servizi legati ai fondi.

INFORMAZIONI SU ENTITÀ GIURIDICHE, NORMATIVE E MARCHI

Negli Stati Uniti, i conti bancari di deposito e i servizi affini, come i conti correnti, conti risparmio e prestiti bancari, sono offerti da JPMorgan Chase Bank, N.A., membro della FDIC.

JPMorgan Chase Bank, N.A. e le sue consociate (collettivamente “JPMCB”) offrono prodotti d’investimento che possono includere conti d’investimento gestiti dalla banca e servizi di custodia, nell’ambito dei propri servizi fiduciari e di amministrazione. Altri prodotti e servizi d’investimento, come brokeraggio e consulenza, sono offerti tramite J.P. Morgan Securities LLC (“JPMS”), membro di FINRA e SIPC. I rendimenti annuali sono resi disponibili tramite Chase Insurance Agency, Inc. (CIA), un'agenzia assicurativa autorizzata, che opera come Chase Insurance Agency Services, Inc. in Florida. JPMCB, JPMS e CIA sono consociate sotto il controllo comune di JPM. Prodotti non disponibili in tutti gli Stati.

In Germania, il presente materiale è pubblicato da J.P. Morgan SE, con sede legale in Taunustor 1 (TaunusTurm), 60310 Francoforte sul Meno, Germania, autorizzata dalla Bundesanstalt für Finanzdienstleistungsaufsicht (BaFin) e soggetta alla supervisione congiunta della BaFin, della Banca Centrale tedesca (Deutsche Bundesbank) e della Banca Centrale Europea (BCE). Nel Lussemburgo, il presente materiale è pubblicato da J.P. Morgan SE – Filiale del Lussemburgo, sede legale European Bank and Business Centre, 6 route de Treves, L-2633, Senningerberg, Lussemburgo, autorizzata dalla Bundesanstalt für Finanzdienstleistungsaufsicht (BaFin) e soggetta alla supervisione congiunta della BaFin, della Banca Centrale tedesca (Deutsche Bundesbank) e della Banca Centrale Europea (BCE); J.P. Morgan SE – Filiale del Lussemburgo è altresì soggetta alla supervisione della Commission de Surveillance du Secteur Financier (CSSF) ed è iscritta al R.C.S del Lussemburgo col n. B255938. Nel Regno Unito, questo materiale è pubblicato da J.P. Morgan SE – Filiale di Londra, sede legale in 25 Bank Street, Canary Wharf, Londra E14 5JP, autorizzata dalla Bundesanstalt für Finanzdienstleistungsaufsicht (BaFin) e soggetta alla supervisione congiunta della BaFin, della Banca Centrale tedesca (Deutsche Bundesbank) e della Banca Centrale Europea (BCE); J.P. Morgan SE – Filiale di Londra è anche soggetta alla regolamentazione della Financial Conduct Authority and Prudential Regulation Authority. In Spagna, il presente materiale è distribuito da J.P. Morgan SE, Sucursal en España, con sede legale in Paseo de la Castellana, 31, 28046 Madrid, Spagna, autorizzata dalla Bundesanstalt für Finanzdienstleistungsaufsicht (BaFin) e sottoposta alla supervisione congiunta della Bafin, della Banca Centrale tedesca (Deutsche Bundesbank) e della Banca Centrale Europea (BCE); J.P. Morgan SE, Sucursal en España è inoltre supervisionata dalla Commissione del Mercato dei Valori Mobiliari (CNMV) ed è iscritta nel registro amministrativo della Banca di Spagna come succursale di J.P. Morgan SE al numero 1567. In Italia, il presente materiale è distribuito da J.P. Morgan SE – Succursale di Milano, sede legale in Via Cordusio 3. 20123 Milano, Italia, autorizzata dalla Bundesanstalt für Finanzdienstleistungsaufsicht (BaFin) e sottoposta alla supervisione congiunta della Bafin, della Banca Centrale tedesca (Deutsche Bundesbank) e della Banca Centrale Europea (BCE); J.P. Morgan SE – Succursale di Milano è anche sottoposta alla vigilanza della Banca d'Italia e della Commissione Nazionale per le Società e la Borsa (CONSOB); è iscritta presso la Banca d'Italia come succursale di J.P. Morgan SE al numero 8076; numero di iscrizione presso la Camera di commercio di Milano: REA MI - 2536325. Nei Paesi Bassi, il presente materiale è distribuito da J.P. Morgan SE – Amsterdam Branch, con sede legale presso il World Trade Centre, Tower B, Strawinskylaan 1135, 1077 XX, Amsterdam, Paesi Bassi, autorizzata dalla Bundesanstalt für Finanzdienstleistungsaufsicht (BaFin) e sottoposta alla supervisione congiunta della Bafin, della Banca Centrale tedesca (Deutsche Bundesbank) e della Banca Centrale Europea (BCE); J.P. Morgan SE – Amsterdam Branch è inoltre autorizzata e supervisionata da De Nederlandsche Bank (DNB) e dell’Autoriteit Financiële Markten (AFM) nei Paesi Bassi. Registrata presso la Kamer van Koophandel come filiale di J.P. Morgan SE. con il numero 72610220. In Danimarca, il presente materiale è distribuito da J.P. Morgan SE – Copenhagen Branch, filial af J.P. Morgan SE, Tyskland, con sede legale presso Kalvebod Brygge 39-41, 1560 København V, Danimarca, autorizzata dalla Bundesanstalt für Finanzdienstleistungsaufsicht (BaFin) e sottoposta alla supervisione congiunta della Bafin, della Banca Centrale tedesca (Deutsche Bundesbank) e della Banca Centrale Europea (BCE); J.P. Morgan SE – Copenhagen Branch, filial af J.P. Morgan SE, Tyskland è anche soggetta alla supervisione di Finanstilsynet (l’autorità di vigilanza finanziaria danese) ed è registrata presso Finanstilsynet come filiale di J.P. Morgan SE con il numero 29010. In Svezia, il presente materiale è distribuito da J.P. Morgan SE – Stockholm Bankfilial, con sede presso Hamngatan 15, Stoccolma, 11147, Svezia, autorizzata dalla Bundesanstalt für Finanzdienstleistungsaufsicht (BaFin) e sottoposta alla supervisione congiunta della Bafin, della Banca Centrale tedesca (Deutsche Bundesbank) e della Banca Centrale Europea (BCE); J.P. Morgan SE – Stockholm Bankfilial è inoltre soggetta alla supervisione di Finansinspektionen (l’autorità di vigilanza finanziaria svedese) ed è registrata presso Finansinspektionen come filiale di J.P. Morgan SE. In Francia, il presente materiale è distribuito da JPMorgan Chase Bank, N.A., Filiale di Parigi, con sede legale in 14, Place Vendôme, Parigi 75001, Francia, iscritta presso la Cancelleria del Tribunale Commerciale di Parigi con il numero 712 041 334 e autorizzata da dalle autorità bancarie francesi (Autorité de Contrôle Prudentiel et de Résolution e Autorité des Marchés Financiers). In Svizzera, il presente materiale è distribuito da J.P. Morgan (Suisse) SA, disciplinata in Svizzera dall’Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari (FINMA).

J.P. Morgan (Suisse) SA, con sede legale in rue du Rhône, 35, 1204, Ginevra, Svizzera, autorizzata e supervisionata dall'Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari (FINMA), come banca e gestore titoli in Svizzera. 

La presente comunicazione è una pubblicità ai fini della Direttiva sui mercati degli strumenti finanziari (MIFID II), e/o della legge svizzera sui servizi finanziari (FInSA). ). Gli investitori non devono sottoscrivere o acquistare strumenti finanziari a cui si fa riferimento nel presente annuncio se non sulla base delle informazioni contenute in qualsiasi documentazione legale applicabile, che è o sarà resa disponibile nelle giurisdizioni pertinenti (secondo necessità).

A Hong Kong, il presente materiale è distribuito da JPMCB, Filiale di Hong Kong, soggetta alla regolamentazione della Hong Kong Monetary Authority e della Securities and Futures Commission di Hong Kong. A Hong Kong cesseremo su Sua richiesta di usare gratuitamente i Suoi dati personali per i nostri fini di marketing. A Singapore, il presente materiale è distribuito da JPMCB, Filiale di Singapore, soggetta alla regolamentazione della Monetary Authority of Singapore. I servizi di negoziazione e consulenza e i servizi di gestione discrezionale degli investimenti sono erogati da JPMCB, Filiale di Hong Kong/Filiale di Singapore (come notificato). I servizi bancari e di deposito sono erogati da JPMCB, Filiale di Singapore. Il contenuto del presente documento non è stato esaminato da alcuna autorità di vigilanza di Hong Kong, Singapore o altre giurisdizioni. Si raccomanda ai clienti di utilizzare con cautela il presente materiale. Per sciogliere eventuali dubbi sul contenuto di questo documento, i clienti dovranno affidarsi alla consulenza di professionisti indipendenti. Per quanto riguarda i materiali che costituiscono pubblicità di prodotti ai sensi del Securities and Futures Act e del Financial Advisers Act, il contenuto pubblicitario del presente documento non è stato esaminato dalla Monetary Authority of Singapore. JPMorgan Chase Bank, N.A. è un’associazione bancaria nazionale costituita ai sensi delle leggi degli Stati Uniti e, in quanto persona giuridica, la responsabilità dei suoi azionisti è limitata.

Con riferimento ai Paesi dell’America Latina, la distribuzione del presente materiale potrebbe essere soggetta a restrizioni in alcune giurisdizioni. Ci riserviamo il diritto di offrirLe e/o venderLe titoli o altri strumenti finanziari che potrebbero non essere registrati ai sensi delle leggi che regolamentano i valori mobiliari o altri strumenti finanziari nel Suo Paese di origine e non soggetti a offerta pubblica in conformità a tali leggi. I suddetti titoli o strumenti Le sono offerti e/o venduti solo a titolo privato. Ogni comunicazione che Le inviamo relativamente a tali titoli o strumenti, compresa, a titolo esemplificativo, la consegna di un prospetto, delle condizioni d’investimento o di altro documento, non è da intendersi come un’offerta di vendita o sollecitazione di un’offerta d'acquisto di qualsivoglia titolo o strumento in qualunque giurisdizione in cui tale offerta o sollecitazione è illegale. Inoltre, i suddetti titoli o strumenti potrebbero essere soggetti a determinate restrizioni normative e/o contrattuali nei successivi trasferimenti ed è Sua esclusiva responsabilità accertarsi dell’esistenza di dette limitazioni e rispettarle. Se il contento della presente pubblicazione fa riferimento a un fondo, questo non può essere offerto pubblicamente in alcun Paese dell’America Latina senza la previa registrazione dei titoli del Fondo ai sensi delle leggi vigenti nella relativa giurisdizione. L’offerta pubblica di qualsiasi titolo, incluse le azioni del Fondo, senza previa registrazione presso la Comissão de Valores Mobiliários brasiliana – CVM è del tutto vietata. Alcuni prodotti o servizi contenuti nei materiali potrebbero non essere al momento disponibili sulle piattaforme brasiliana e messicana.

JPMorgan Chase Bank, N.A. (JPMCBNA) (ABN 43 074 112 011/N. licenza AFS: 238367) è disciplinata dalla Australian Securities and Investment Commission e dalla Australian Prudential Regulation Authority. La documentazione fornita in Australia da JPMCBNA è destinata esclusivamente ai “clienti wholesale”. Ai fini del presente paragrafo il termine “cliente wholesale” ha il significato attribuito a questa espressione dall’articolo 761G del Corporations Act 2001 (Cth). Se Lei al momento non è un Cliente Wholesale o se in futuro dovesse cessare di esserlo, La preghiamo di comunicarcelo.

JPMS è una società straniera registrata (all’estero) (ARBN 109293610) costituita nello Stato del Delaware, Stati Uniti d’America. Ai sensi delle leggi australiane per i servizi finanziari, una società di servizi finanziari quale J.P. Morgan Securities LLC (JPMS) è tenuta a ottenere l’apposita licenza AFSL (Australian Financial Services Licence), salvo nei casi di esenzione previsti. Ai sensi del Corporations Act 2001 (Cth) (Act), JPMS è esente dall’obbligo di ottenere la licenza AFSL in relazione al servizi finanziari che offre a Lei ed è regolamentata dalla SEC, dalla FINRA e dalla CFTC in conformità con le leggi statunitensi, che sono diverse da quelle australiane. La documentazione fornita in Australia da JPMS è destinata esclusivamente ai “clienti wholesale”. Le informazioni fornite nel presente materiale non sono destinate e non devono essere distribuite o comunicate, direttamente o indirettamente, ad alcuna altra categoria di soggetti in Australia. Ai fini del presente paragrafo il termine “cliente wholesale” ha il significato attribuito a questa espressione dall’articolo 761G dell’Act. Se Lei al momento non è un Cliente Wholesale o se in futuro dovesse cessare di esserlo, La preghiamo di comunicarcelo immediatamente.

Il presente materiale non è stato elaborato specificamente per gli investitori australiani. Di conseguenza:

  • potrebbe contenere riferimenti a importi in Dollari che non sono Dollari australiani;
  • potrebbe contenere informazioni finanziarie non redatte in conformità con le leggi o le prassi australiane;
  • potrebbe non tenere conto di rischi associati a investimenti denominati in valuta estera e
  • non considera aspetti fiscali australiani.

Eventuali riferimenti a “J.P. Morgan” riguardano JPM, le sue controllate e consociate in tutto il mondo. “J.P. Morgan Private Bank” è la denominazione commerciale dell’attività di private banking svolta da JPM. Il presente materiale è inteso per uso personale e non può essere distribuito o usato da terzi, né essere duplicato per uso non personale, senza la nostra autorizzazione. In caso di domande o se non desidera ricevere ulteriori comunicazioni, La preghiamo di rivolgersi al Suo team J.P. Morgan. 

 

PER ULTERIORI INFORMAZIONI sulla nostra azienda e sui nostri professionisti dell’investimento, fare referimento a FINRA Brokercheck

Per ulteriori informazioni sull’attività di investimento di J.P. Morgan, compresi i nostri conti, prodotti e servizi, nonché il nostro rapporto con i clienti, è possibile consultare il nostro Modulo di autocertificazione CRS di J.P. Morgan Securities LLC e la Guida ai servizi di investimento e ai prodotti per il brokeraggio.


JPMorgan Chase Bank, N.A.
 e le sue consociate (collettivamente “JPMCB”) offrono prodotti d’investimento che possono includere conti gestiti dalla banca e servizi di custodia, nell’ambito dei propri servizi fiduciari e di amministrazione. Altri prodotti e servizi d’investimento, come brokeraggio e consulenza, sono offerti tramite J.P. Morgan Securities LLC (“JPMS”), membro di FINRA SIPC. I prodotti assicurativi vengono offerti tramite Chase Insurance Agency, Inc. (CIA), un’agenzia assicurativa autorizzata, che opera come Chase Insurance Agency Services, Inc. in Florida. JPMCB, JPMS e CIA sono società affiliate sotto il controllo comune di JPMorgan Chase & Co. I prodotti non sono disponibili in tutti gli Stati. Si raccomanda di leggere le Avvertenze legali unitamente a queste pagine.

I PRODOTTI DI INVESTIMENTO E ASSICURAZIONE: • NON SONO ASSICURATI DALLA FDIC • NON SONO ASSICURATI DA NESSUNA AGENZIA DEL GOVERNO FEDERALE • NON RAPPRESENTANO UN DEPOSITO O UN ALTRO OBBLIGO DI, O GARANTITO DA, JPMORGAN CHASE BANK, N.A. O QUALSIASI DELLE SUE AFFILIATE • SONO SOGGETTI A RISCHI DI INVESTIMENTO, COMPRESA LA POSSIBILE PERDITA DEL CAPITALE INVESTITO

JPMorgan Chase Bank, N.A. offre prodotti di deposito bancario, come assegni, risparmi e prestiti bancari e servizi correlati. Membro della FDIC. Non costituisce un impegno ad erogare un prestito. Tutte le offerte di credito sono soggette all’approvazione del finanziamento.