Chiudere il cerchio: perché passare a un'economia circolare?

Immaginate un'intera economia in cui le risorse vengono utilizzate, poi riutilizzate, in un sistema a circuito chiuso che non inquina la Terra. Alcune aziende hanno già iniziato a spianare la strada a questa realtà.
Attualmente il mondo opera secondo un modello di economia lineare che si fonda sullo schema insostenibile "estrarre, produrre, utilizzare e gettare". Vediamo alcune delle conseguenze:
Se continuiamo su questa strada, entro il 2050 la domanda globale di risorse aumenterà di quasi tre volte a 130 miliardi di tonnellate all'anno, con il conseguente sovrasfruttamento della capacità terrestre di oltre il 400% 4.

L'economia circolare punta a cambiare tutto questo, cercando di eliminare i rifiuti fin dall'inizio e creando "circuiti chiusi" che mantengano i materiali all'interno del sistema. L'economia circolare è un modello di produzione e consumo che si fonda su riutilizzo, riparazione, prestito e riciclo di materiali e prodotti. Sarebbe preferibile che il circuito fosse quanto più breve o stretto possibile, poiché ciò permetterebbe di massimizzare i risparmi riducendo i costi associati ad energia e manodopera.

Oggi, solo il 9% dell'economia mondiale è circolare.

Perché passare ad un'economia circolare? Ecco una panoramica di alcuni dei vantaggi stimati: 

580 000

nuovi posti di lavoro creati nella sola Unione Europea

250-350

milioni di tonnellate di anidride carbonica (CO2) in meno nell'aria8

2 trilioni

di dollari di ricavi annui generati negli Stati Uniti dalla fabbricazione circolare 

80 milioni

di tonnellate di materiale recuperato dal riciclaggio domestico, un livello quattro volte superiore a quello attuale8

Contattaci per discutere con noi dell'investimento sostenibile
Contattaci

Il punto sulle opportunità d'investimento

Le sfide associate a una simile transizione sono numerose. Ma numerosi sono anche gli innovatori che si apprestano ad affrontare queste sfide con nuove tecnologie, prodotti e modelli di business.

Reimmaginare la plastica

Le imprese globali, dai rivenditori ai produttori di materie plastiche, stanno definendo obiettivi elevati per il riciclaggio e il riutilizzo della plastica. 

La nuova domanda di plastica riciclata potrebbe raggiungere i 7,5 milioni di tonnellate entro il 2030. Riuscendo a soddisfare la domanda di mercato, queste tecnologie potrebbero generare opportunità di ricavo per 120 miliardi di dollari solo negli Stati Uniti e in Canada9

Per vincere la sfida di ridurre gli imballaggi monouso è essenziale anche promuovere il riuso. Solo il 14% circa degli imballaggi in plastica viene raccolto per il riciclaggio, e solo il 2% viene riciclato per produrre plastica di qualità simile. Dopo un breve primo ciclo di utilizzo, il 95% del valore materiale degli imballaggi in plastica (circa 80-120 miliardi di dollari all'anno) viene perduto10.  Sostituendo appena il 20% degli imballaggi in plastica monouso con alternative riutilizzabili, come gli imballaggi di fascia alta ricaricabili per uso prolungato, si genera un'opportunità del valore di almeno 10 miliardi di dollari11

Una moda a misura di ambiente

Ogni anno si perdono più di 500 miliardi di dollari di valore perché l'abbigliamento viene sottoutilizzato e non riciclato. Un altro grave problema del settore tessile è quello dell'inquinamento. Nel 2015 le emissioni di gas a effetto serra derivanti dalla produzione tessile sono ammontate a 1,2 miliardi di tonnellate di CO2 equivalente, più di quanto emesso nell'insieme da tutti i voli internazionali e dalle spedizioni marittime. Inoltre, secondo alcune stime, il lavaggio di tessuti a base di plastica come poliestere, nylon e acrilico produce ogni anno circa mezzo milione di microfibre di plastica, che finiscono per riversarsi negli oceani. 

Se il settore della moda adottasse misure come la conversione a un mix di materiali sostenibili, l'eliminazione di sostanze chimiche dannose, la riduzione dell'uso di acqua e il miglioramento della trasparenza e della tracciabilità, il beneficio per l'economia mondiale nel 2030 potrebbe attestarsi a circa 180 miliardi di dollari. In caso contrario, nell'arco dei prossimi dieci anni i marchi di moda potrebbero registrare un calo degli utili al lordo di interessi e imposte (EBIT) di oltre tre punti percentuali. 

Gli innovatori stanno già trovando diversi modi per ridurre gli sprechi e l'impatto ambientale del settore della moda: 

  • Aumento della durata dei capi di abbigliamento e della possibilità di ripararli
  • Creazione di mercati secondari per l'abbigliamento usato
  • Riduzione delle risorse utilizzate nel processo di produzione, tra cui materie prime, acqua ed energia
  • Enfasi sulla tracciabilità dei materiali, in modo che soddisfino gli standard relativi al riciclaggio

Un'alimentazione più sostenibile

Ogni anno circa un terzo di tutta la produzione alimentare globale, pari a circa 680 miliardi di dollari nei paesi ad alto reddito e 310 miliardi di dollari nei paesi emergenti, viene perso o sprecato.  Inoltre, a ogni dollaro speso per il cibo corrispondono due dollari in termini di costi sanitari, ambientali ed economici sostenuti dalla nostra società. In base al flusso di materie prime dell'attuale sistema alimentare lineare, meno del 2% delle preziose sostanze nutritive contenute nelle risorse organiche scartate viene riutilizzato per fini produttivi. In breve, l'attuale sistema alimentare fondato su un modello lineare implica un enorme spreco e consumo di risorse e contribuisce al diffondersi di malattie e inquinamento.

Le soluzioni che l'economia circolare propone per queste sfide sono le seguenti:

  • Riduzione e impiego dei rifiuti alimentari ridistribuendo il cibo commestibile e utilizzando quello non commestibile per fertilizzanti, biomateriali e bioenergia
  • Ricorso a pratiche rigenerative in ambito alimentare, come fertilizzanti organici, rotazione e variazione delle colture, rotazione dei pascoli, agroforestazione e agricoltura conservativa. L'agricoltura di precisione potrebbe migliorare l'efficienza produttiva di acqua e fertilizzanti di almeno il 20-30% 
  • Ricerca e produzione di alimenti a livello locale e ideazione di opzioni migliori e più sane

Se gli ostacoli alla transizione verso un'economia circolare sono molteplici, lo sono anche le opportunità e i potenziali vantaggi che essa offre.
Sarà necessaria una solida cooperazione tra individui, imprese e governi per rendere l'economia circolare una realtà. Se avrà successo, questa transizione potrebbe essere un'opportunità da migliaia di miliardi di dollari che ridurrà del 48% le emissioni di CO2 entro il 2030, ovvero poco più di un decennio da oggi.

Accenture Strategy, "Circular Advantage", https://www.accenture.com/t20150523t053139__w__/us-en/_acnmedia/accenture/conversion-assets/dotcom/documents/global/pdf/strategy_6/accenture-circular-advantage-innovative-business-models-technologies-value-growth.pdf.

Harnessing the Fourth Industrial Revolution for the Circular Economy Consumer Electronics and Plastics Packaging.

3 Accenture Tech Vision, "The Global E-Waste Monitor 2017: Quantities, Flows, and Resources" ed Ellen MacArthur Foundation, "Artificial Intelligence and the Circular Economy".

4 https://www.ellenmacarthurfoundation.org/circular-economy/what-is-the-circular-economy.

World Economic Forum 2020 e www.circle-economy.com.

6 Parlamento Europeo: https://www.europarl.europa.eu/news/en/headlines/economy/20151201STO05603/circular-economy-definition-importance-and-benefits.

7 Capital landscape for investment in circular supply chains, Closed Loop Partners e Closed Loop Foundation, 2017.

8 "Growth Within: A Circular Economy Vision of a Competitive Europe", Ellen MacArthur Foundation; Stiftungsfonds für Umweltökonomie und Nachhaltigkeit (SUN); Deutsche Post Foundation; McKinsey Center for Business and Environment, 2015.

9 http://www.closedlooppartners.com/wpcontent/uploads/2019/04/CLP_Circular_Supply_Chains_for_Plastics.pdf.

10 "Harnessing the Fourth Industrial Revolution for the Circular Economy Consumer Electronics and Plastics Packaging" e "The New Plastics Economy: Rethinking the Future of Plastics & Catalysing Action", Ellen MacArthur Foundation, 2019.

11 "Reuse Rethinking Packaging", Ellen MacArthur Foundation, 2019.

12 "A New Textiles Economy: Redesigning Fashion's Future", Ellen MacArthur Foundation, 2019.

13 "Pulse of the fashion industry", Global Fashion Agenda e Boston Consulting Group, 2017.

14 Ellen MacArthur Foundation, "Urban Biocycles", marzo 2017.

15 McKinsey Center for Business and Environment, "Europe's circular-economy opportunity", settembre 2015.

16 Accenture, “Waste to Wealth,” as of 2015.

17 Ellen MacArthur Foundation.