Ufficio più vicino

Cerca sede

Strategia di investimento

Come investire nella transizione energetica globale

11 lug 2023

Se le aziende internazionali vogliono allinearsi all’obiettivo di un’economia a neutralità carbonica entro il 2050, gli investimenti dovranno accelerare in modo considerevole, non solo nelle attività di produzione delle energie rinnovabili, ma anche nell’ambito delle energie pulite in generale. Ecco perché consideriamo la transizione energetica globale un’opportunità d’investimento.

Matthew Landon, Global Investment Strategist

L’economia globale sta attraversando un periodo di cambiamenti radicali. Le misure di lockdown imposte dalla pandemia e le tensioni geopolitiche hanno messo a nudo le vulnerabilità che possono nascere dall’intreccio troppo profondo delle filiere produttive internazionali dopo decenni di globalizzazione. Le autorità di tutto il mondo stanno intervenendo.

Rispetto alla maggior parte delle altre regioni geografiche, l’Europa ha risentito delle ricadute in modo più grave. Le vulnerabilità delle filiere produttive, in particolare per quanto riguarda l’energia, hanno spinto l’inflazione al rialzo e ridotto i bilanci delle famiglie.

Le autorità hanno risposto varando enormi pacchetti di stimoli e le aziende si stanno posizionando per approfittare di questi incentivi. A nostro avviso, un simile contesto sta aprendo le porte a interessanti opportunità d’investimento a lungo termine.


L’impressionante ripresa post-pandemia dell’Europa è stata frenata dall’invasione dell’Ucraina da parte della Russia. Le sanzioni hanno portato al rincaro dei prezzi del gas naturale, esercitando una pressione al rialzo sull’inflazione e influenzando la produzione manifatturiera di tutta la regione.

Un inverno mite ha aiutato l’Europa a superare la stagione relativamente indenne. Le autorità non possono tuttavia affidarsi al clima mite per affrontare il futuro, soprattutto se le fonti di energia alternative diventeranno sempre più scarse con l’aumento della domanda cinese. Per garantire le forniture di energia, generi alimentari e altre risorse essenziali, è necessaria una soluzione a lungo termine.

L’Europa, come la maggior parte delle altre regioni, ha risposto varando pacchetti di stimoli. Con il graduale afflusso di questi fondi nell’economia, stiamo assistendo a cambiamenti sostanziali nel modo in cui le aziende spendono i propri capitali, con ricadute sui portafogli ordini dell’intera filiera produttiva. Siamo dell’avviso che l’aumento della spesa pubblica nell’economia reale incoraggerà gli investimenti privati e siamo molto interessati a ottenere un’esposizione alle aziende leader del prossimo ciclo.

Se facciamo un passo indietro, osserviamo che la politica industriale non è un fenomeno nuovo in Europa, in particolare per quanto riguarda la transizione energetica. Sin dal 2005, quando è stato introdotto il sistema per lo scambio di quote di emissioni (il primo e più grande mercato del carbonio al mondo), l’Europa si è posta in prima linea nella lotta contro il cambiamento climatico. Il Green Deal 2019 dell’Unione europea ha dato nuovo impulso a questo tema, con una serie di politiche volte a rendere l’Europa climaticamente neutrale entro il 2050.

Per sostenere questo cammino verso un futuro più verde, l’UE ha implementato le sue misure di stimolo su ampia scala. Il pilastro portante di questi sforzi è rappresentato dal cosiddetto Recovery Fund, un pacchetto da 2 miliardi di euro annunciato in risposta alla crisi del Covid-19.

Più di un terzo di questi finanziamenti (sotto forma sia di sovvenzioni che di prestiti) è stato destinato al Green Deal. Le proposte di finanziamento degli Stati membri indicano che i Paesi dell’Europa meridionale sono posizionati in modo particolarmente vantaggioso per trarne beneficio (figura 1).

Figura 1: Ciascun paese ha presentato piani per i finanziamenti

Il grafico in alto mostra i fondi stanziati per paese dal Recovery Fund dell’UE.

Da allora sono stati presi impegni di spesa aggiuntivi nell’ambito del programma REPowerEU. Parallelamente, il piano industriale del Green Deal si propone di aumentare la competitività dell’industria europea a neutralità carbonica e di stimolare il passaggio alla neutralità climatica.

La politica industriale dell’Europa si spinge oltre l’aspetto energetico.

L’obiettivo di fondo di tutti i progetti dell’UE è quello di aumentare la competitività dell’Europa su scala globale. Ciò include innanzitutto la sicurezza delle forniture essenziali, la più importante delle quali, nel mondo odierno, è rappresentata dai semiconduttori.

In Europa hanno sede alcune delle più importanti aziende di semiconduttori, che tuttavia dipendono ancora troppo dalle importazioni, detenendo solo una quota del 10% del mercato globale dei microchip. La normativa europea sui semiconduttori annunciata nell’aprile 2023 punta a mobilitare oltre 43 miliardi di euro in investimenti pubblici e privati per raddoppiare questa quota di mercato entro il 2030.

Per creare un’economia più sostenibile in futuro, si stanno mettendo in atto diverse misure. Purtroppo, però, alcuni danni sono già stati fatti. Per esempio, tra il 1991 e il 2021 l’Europa ha registrato un riscaldamento di +0,5 °C per decennio, una velocità doppia rispetto a quella media globale. Gli edifici dovranno essere adeguati e le infrastrutture costruite per resistere agli incendi estivi, mentre l’aria condizionata potrebbe essere la prossima grande novità.


Se ci si concentra sugli alberi, è facile perdere di vista la foresta. I finanziamenti pubblici rappresentano solo l’inizio: queste misure sono state infatti concepite per stimolare l’enorme quantità di finanziamenti privati necessari per la transizione ecologica.

 

I piani di politica industriale in Europa e negli Stati Uniti avranno probabilmente un impatto diverso sulle aziende. Mentre l’U.S. Inflation Reduction Act offre crediti d’imposta ai produttori per incoraggiare gli investimenti nelle fonti di energia rinnovabile, il quadro dell’UE rende più difficile una simile implementazione. Questo potrebbe cambiare, ma al momento possiamo già osservare l’impatto prodotto dalle misure di stimolo alternative europee.

 

I portafogli ordini stanno iniziando a riempirsi per i fornitori di prodotti essenziali e gli analisti hanno rivisto le previsioni sugli utili per le aziende esposte a questo trend. Alcune hanno aumentato in modo significativo la spesa per gli investimenti destinata a progetti incentrati sulla sostenibilità, persino in un momento in cui il costo del denaro è in aumento.

 

Un’attenzione particolare è rivolta ai materiali e alla costruzione degli edifici europei. Secondo l’UE, il 40% del consumo energetico e il 36% delle emissioni di gas serra sono imputabili agli edifici. La Commissione europea ha stimato che saranno necessari quasi 300 miliardi di euro di investimenti per raggiungere gli obiettivi di miglioramento dell’efficienza energetica nel settore, con implicazioni per le aziende di tutta la filiera, dai materiali all’edilizia.

 

L’analisi di sensibilità di J.P. Morgan Investment Bank indica che, considerando solo quest’anno, l’impulso derivante da questo aumento di spesa potrebbe portare a un rialzo del 29% degli utili d’esercizio per un’azienda rappresentativa del settore dei materiali da costruzione. Le implicazioni a lungo termine potrebbero essere ancora più significative.

 

Esempi analoghi si possono trovare in tutti i settori. Le aspettative di un aumento degli utili e di normative più severe hanno visto le aziende energetiche tradizionali investire in prassi sostenibili per garantire i flussi di cassa futuri. Il recente clamore suscitato dall’intelligenza artificiale ha incoraggiato piani di spesa per integrare l’IA nei modelli di business, mentre la necessità di realizzare una rete elettrica europea ha puntato i riflettori sui centri dati e sulle reti. Riteniamo che le opportunità siano significative e di vasta portata.


Per ottenere esposizione a queste tendenze esistono diversi modi; siamo dell’idea che sia giunto il momento di prendere in considerazione la possibilità di integrarle in portafoglio. Nelle nostre Prospettive per il 2023 abbiamo evidenziato l’importanza di individuare e investire nei leader del prossimo ciclo. Continuiamo quindi a supportare l'idea di “seguire la spesa per gli investimenti”.

Di recente, durante i nostri roadshow di investimento, abbiamo condotto un sondaggio, scoprendo che oltre il 60% dei nostri clienti europei ritiene che una nuova era di deglobalizzazione e decarbonizzazione rappresenti una grande opportunità. Tuttavia, la maggior parte di loro è ancora sottoesposta a questi temi, soprattutto perché negli indici azionari tradizionali i titoli dei beni tangibili sono sottorappresentati (figura 2).

Figura 2: I beni tangibili sono sottorappresentati negli indici azionari

In questo grafico, si vede come i beni reali sono sottorappresentati negli indici azionari come l’indice MSCI World Index, passando da un picco del 25% circa nel 2010 a una percentuale compresa tra il 10 e il 15% nel 2021 e 2022.

Uno dei metodi più semplici per aggiungere esposizione ai beni tangibili è quello di utilizzare le materie prime. Per esempio, a fronte della progressiva ripresa della Cina dalle misure pandemiche, è probabile che la domanda di petrolio rimanga forte, mentre il significativo sottoinvestimento nelle fonti energetiche tradizionali che ha caratterizzato l’ultimo decennio manterrà l’offerta limitata. L’utilizzo di prodotti strutturati può aiutare a proteggersi dai ribassi, offrendo al contempo un’esposizione ai rialzi.

Altre materie prime di importanza critica per la transizione energetica, dal litio al cobalto, possono offrire rendimenti interessanti e meno correlati a un portafoglio tradizionale.

Inoltre, è probabile che molte aziende possano trarre vantaggio dai temi trattati in questo articolo. L’investimento di capitale nella sicurezza energetica continuerà probabilmente a sostenere i titoli energetici tradizionali, che spesso offrono free cash flow e dividend yield elevati. In Europa, molte di queste società si stanno orientando verso prassi più ecocompatibili per favorire una crescita degli utili a lungo termine.

Per un approccio più diretto agli investimenti nella transizione energetica, esistono opportunità potenziali in tutta la filiera, dai beneficiari diretti nel settore delle utility ad alcune delle società abilitanti più importanti nei settori dell’industria, dei materiali e della tecnologia.

Tali opportunità esistono in tutte le regioni. Dopo un decennio di sovraperformance, molti investitori continuano a sovrappesare gli Stati Uniti, ma riteniamo che sia arrivato il momento di diversificare a livello geografico. L’Europa si conferma all’avanguardia per quanto riguarda la transizione energetica e, a nostro avviso, potrebbe essere pronta a sovraperformare nel corso del prossimo ciclo.

Molti lettori potrebbero essere troppo giovani per ricordare i primi anni 2000, quando le azioni europee trainavano i rendimenti di portafoglio. La storia ci ha insegnato che i periodi di sovraperformance a livello geografico tendono a seguire un andamento ciclico, quindi riteniamo che il prossimo potrebbe vedere un ritorno dell’Europa (figura 3).

Un contesto macroeconomico caratterizzato da un’inflazione e da tassi di interesse strutturalmente più elevati, unitamente a una rinnovata attenzione agli investimenti nei beni tangibili, potrebbe favorire la composizione del mercato europeo. Abbiamo già visto alcuni di questi aspetti iniziare a manifestarsi dopo i minimi del mercato dell’ottobre 2022, ma riteniamo che questo trend possa ancora continuare a svilupparsi a lungo.

Figura 3: La sovraperformance geografica tende a seguire un andamento ciclico

In questo grafico, si vede la sovraperformance a livello geografico tra Stati Uniti ed Europa, rilevando la differenza tra l’MSCI USA e l’MSCI Europe.

I rendimenti passati non sono indicativi dei risultati futuri. Non è possibile investire direttamente in un indice.


Investire in questo spazio non è un’impresa facile. Ecco perché riteniamo che gli investitori possano trarre vantaggio da un approccio attivo all’investimento, avvalendosi di gestori specializzati in grado di individuare opportunità selezionate per beneficiare potenzialmente della politica industriale europea nel medio termine.

Non solo, esiste la possibilità di esplorare meglio diverse opportunità uniche attraverso strumenti alternativi. I fondi infrastrutturali, in particolare, possono contribuire a incrementare i rendimenti e la performance del portafoglio, sbloccando al contempo aree di mercato che, diversamente, potrebbero non essere prese in considerazione. Ad esempio, i gestori privati presenti sulla nostra piattaforma hanno investito in infrastrutture per il gas naturale liquefatto in Europa, in accumulatori a batteria e altro ancora.

Vediamo che è in atto una nuova era di investimenti nei beni tangibili. Ciò sarà probabilmente accompagnato da un aumento dell’inflazione e dei tassi d’interesse con ricadute su tutte le classi di attivo.

Riteniamo che l’incapacità di chiudere posizioni di sottopeso a lungo termine nei beni tangibili potrebbe essere deleteria per i rendimenti di portafoglio negli anni a venire. Abbiamo sostenuto il valore delle opportunità di investimento in tutta la filiera produttiva e in tutte le classi di attivo, cercando di identificare i leader del prossimo ciclo. Questo ambito può essere esplorato direttamente attraverso le materie prime, i green bond, le azioni o gli strumenti alternativi, tutti elementi che possono apportare valore al portafoglio.

Come sempre, invitiamo a contattare il team J.P. Morgan per discutere il modo migliore per attuare queste idee.

Definizioni

L’MSCI USA Index è un indice azionario ponderato per il flottante. È stato sviluppato con un valore base di 100 il 31 dicembre 1969.

L’MSCI Europe Index in EUR è un indice azionario ponderato per il flottante che misura la performance dei Mercati Sviluppati europei. È stato sviluppato con un valore base di 100 il 31 dicembre 1998.

L’MSCI World Index è un indice azionario ponderato per il flottante. È stato sviluppato con un valore base di 100 il 31 dicembre 1969. L’indice MXWO include i mercati del mondo sviluppato e non include i Mercati Emergenti. L’indice MXWD include sia i Mercati Emergenti che quelli Sviluppati.

Maggiori informazioni su come diventare clienti di J.P. Morgan Private Bank.

Ci fornisca informazioni su di Lei e il nostro team La contatterà.

*Campi obbligatori

Maggiori informazioni su come diventare clienti di J.P. Morgan Private Bank.

Ci fornisca informazioni su di Lei e il nostro team La contatterà.

Inserire nome

> o < non sono consentiti

Only 40 characters allowed

Inserire cognome

> o < non sono consentiti

Only 40 characters allowed

Selezionare il Paese di residenza

Inserire un indirizzo postale valido

> o < non sono consentiti

Only 150 characters allowed

Inserire la città

> o < non sono consentiti

Only 35 characters allowed

Selezionare lo Stato

> or < are not allowed

Inserire il codice ZIP

Inserire un codice ZIP valido

> or < are not allowed

Only 10 characters allowed

Inserire il codice d'avviamento postale

Inserire un codice ZIP valido

> or < are not allowed

Only 10 characters allowed

Inserire il codice Paese

Inserire il codice Paese

> or < are not allowed

Inserire il numero di telefono

Il numero di telefono deve essere composto da 10 numeri

Inserire un numero di telefono valido

> or < are not allowed

Only 15 characters allowed

Inserire il numero di telefono

Inserire un numero di telefono valido

> or < are not allowed

Only 15 characters allowed

Maggiori informazioni sul Suo conto

0/1000

Only 1000 characters allowed

> or < are not allowed

La casella non è selezionata

La tua cronologia recente

Informazioni importanti

Rischi principali

Gli investimenti in materie prime possono comportare livelli superiori di volatilità rispetto agli investimenti in titoli tradizionali. Il valore delle materie prime può essere influenzato dai movimenti generali di mercato, dalla volatilità degli indici delle materie prime, dalle variazioni dei tassi di interesse o da fattori in grado di influenzare un particolare settore o materia prima, come siccità, inondazioni, condizioni meteorologiche, malattie del bestiame, embarghi, dazi e sviluppi internazionali sul versante economico, politico e normativo. L’investimento nelle materie prime offre l’opportunità di un aumento dei rendimenti ma, allo stesso tempo, comporta la possibilità di perdite maggiori.

I prodotti strutturati fanno uso di strumenti derivati e comportano rischi che potrebbero non essere adatti a tutti gli investitori. I rischi più comuni includono, a titolo esemplificativo, il rischio di andamenti del mercato avversi o imprevisti, il rischio di qualità creditizia dell’emittente, il rischio di mancanza di prezzi standard uniformi, il rischio di eventi avversi che interessano eventuali obbligazioni di riferimento sottostanti, il rischio di elevata volatilità, il rischio di illiquidità/di mercato secondario minimo o assente e conflitti di interesse. Prima di investire in un prodotto strutturato, gli investitori devono esaminare il documento di offerta, il prospetto o il supplemento al prospetto per comprendere i termini effettivi e i principali rischi associati a ciascun prodotto strutturato. Eventuali pagamenti su un prodotto strutturato sono soggetti al rischio di credito dell’emittente e/o del garante. Gli investitori possono perdere l’intero investimento, ovvero subire in una perdita illimitata.

L’elenco dei rischi sopra riportato non è completo. Per un elenco più completo dei rischi associati a questo particolare prodotto, rivolgersi al proprio team J.P. Morgan.

Il dividend yield viene calcolato in base al più recente dividendo annualizzato, come percentuale del prezzo dell’azione alla data di riferimento sopra indicata. Il prezzo del titolo sottostante, l’importo del dividendo pagato e quindi il rendimento stimato sono tutti soggetti a variazioni, influendo così anche sul calcolo del dividend yield. I dividendi vengono pagati a discrezione del consiglio di amministrazione delle società e non sono garantiti.

Investire in strumenti alternativi comporta rischi maggiori rispetto agli investimenti tradizionali e questo tipo di approccio è adatto solo a investitori sofisticati. Gli investimenti alternativi comportano rischi maggiori rispetto agli investimenti tradizionali e non devono essere considerati un programma di investimento completo. Non sono efficienti dal punto di vista fiscale e un investitore dovrebbe consultare il proprio consulente fiscale prima di investire. Gli investimenti alternativi hanno commissioni più elevate rispetto agli investimenti tradizionali e possono inoltre fare un elevato ricorso alla leva e impegnarsi in tecniche di investimento speculative, che possono aumentare il potenziale di perdita o guadagno dell’investimento. Il valore degli investimenti può aumentare così come diminuire e gli investitori potrebbero recuperare una somma inferiore all’importo inizialmente investito.

Il presente materiale viene fornito a titolo puramente informativo e può fornire informazioni su alcuni prodotti e servizi offerti dalle attività di private banking, che fanno parte di JPMorgan Chase & Co. (“JPM”). I prodotti e i servizi descritti, nonché le commissioni, gli oneri e i tassi di interesse associati, sono soggetti a modifica come previsto dai contratti di apertura del conto e possono differire a seconda della sede geografica. Non tutti i prodotti e i servizi sono offerti in tutte le sedi. Il cliente con disabilità che necessiti ulteriore supporto per accedere a questo materiale può contattare il proprio team J.P. Morgan team o contattarci per e-mail all’indirizzo accessibility.support@jpmorgan.com per ricevere assistenza. Si prega di leggere tutte le informazioni importanti.

PRINCIPALI RISCHI

Il presente materiale è esclusivamente a scopo informativo e può illustrare alcuni prodotti e servizi offerti dalle divisioni di gestione patrimoniale di J.P. Morgan, che fanno parte di JPMorgan Chase & Co. (“JPM”). I prodotti e i servizi descritti, nonché le commissioni, gli oneri e i tassi di interesse associati, sono soggetti a modifica come previsto dai contratti di apertura del conto e possono differire a seconda dell’area geografica.

Non tutti i prodotti e i servizi sono disponibili in tutte le aree geografiche. Il cliente con disabilità che necessiti ulteriore supporto per accedere a questo materiale, è pregato di rivolgersi al proprio team J.P. Morgan o di contattarci all'indirizzo accessibility.support@jpmorgan.com per ricevere assistenza. Si prega di leggere tutte le Informazioni importanti.

RISCHI E CONSIDERAZIONI GENERALI

Qualsiasi opinione, strategia o prodotto citato nel presente materiale potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori ed è soggetto a rischi. Il capitale restituito può essere inferiore a quello inizialmente investito e i rendimenti passati non sono indicatori attendibili dei risultati futuri. Le scelte di allocazione/diversificazione di portafoglio non garantiscono un rendimento positivo né eliminano il rischio di perdite. Nessuna parte del presente materiale deve essere utilizzata fuori contesto per prendere decisioni di investimento. Si raccomanda di valutare attentamente se i servizi, i prodotti, le classi di attivo (ad es. azioni, obbligazioni, investimenti alternativi, materie prime ecc.) o le strategie discusse sono idonee alle proprie esigenze. Prima di prendere qualsiasi decisione d’investimento è necessario altresì considerare gli obiettivi, i rischi, gli oneri e le spese associati a un servizio, un prodotto o una strategia. A tal proposito e per informazioni più dettagliate, nonché per discutere di obiettivi/situazione, contattare il team J.P. Morgan.

LIBERATORIA

Si ritiene che le informazioni contenute nel presente materiale siano affidabili; tuttavia, JPM non ne attesta né garantisce l’accuratezza, l’affidabilità o la completezza e declina qualsiasi responsabilità per eventuali perdite o danni (diretti o indiretti) derivanti dall’uso totale o parziale del presente materiale. Non si rilascia alcuna dichiarazione o garanzia riguardo a calcoli, grafici, tabelle, diagrammi o commenti contenuti nel presente materiale, che vengono forniti esclusivamente a scopo illustrativo/di riferimento. I pareri, le opinioni, le stime e le strategie descritti nel presente materiale si basano sul nostro giudizio delle condizioni di mercato attuali e possono variare senza preavviso. JPM non si assume alcun obbligo di aggiornamento delle informazioni contenute nel presente materiale in caso di eventuale variazione delle stesse. I pareri, le opinioni, le stime e le strategie descritti in questa sede possono essere diversi da quelli espressi da altre divisioni di JPM o da pareri espressi per altri fini o in altri contesti; il presente materiale non deve essere considerato un rapporto di ricerca. I rischi e i risultati indicati si riferiscono unicamente agli esempi ipotetici citati; i rischi e i risultati effettivi variano in base alle circostanze specifiche. Le affermazioni prospettiche non dovrebbero essere considerate come garanzie o previsioni di eventi futuri.

Nessun contenuto del presente documento è da interpretarsi quale fonte di obbligo di diligenza da osservarsi nei confronti del cliente o di terzi o quale rapporto di consulenza con il cliente o con terzi. Nessun contenuto del presente documento è da considerarsi come offerta, sollecitazione, raccomandazione o consiglio (di carattere finanziario, contabile, legale, fiscale o di altro genere) fornito da J.P. Morgan e/o dai suoi funzionari o agenti, indipendentemente dal fatto che tali comunicazioni siano avvenute a fronte di una richiesta del cliente o meno. J.P. Morgan e le sue consociate e i suoi dipendenti non forniscono consulenza fiscale, legale o contabile. Prima di effettuare una transazione finanziaria si raccomanda di consultare il proprio consulente fiscale, legale e contabile.

INFORMAZIONI IMPORTANTI SUGLI INVESTIMENTI E SU POTENZIALI CONFLITTI D’INTERESSE

Potranno sorgere dei conflitti d’interesse laddove JPMorgan Chase Bank, N.A. o una delle sue consociate (collettivamente “J.P. Morgan”) abbiano un incentivo effettivo o apparente, economico o di altro tipo, ad adottare nella gestione dei portafogli dei clienti comportamenti che potrebbero avvantaggiare J.P. Morgan. Potrebbero ad esempio insorgere conflitti d’interesse (ammesso che le seguenti attività siano abilitate nel conto): (1) quando J.P. Morgan investe in un prodotto d’investimento, come un fondo comune, un prodotto strutturato, un conto a gestione separata o un hedge fund emesso o gestito da JPMorgan Chase Bank, N.A. o da una consociata come J.P. Morgan Investment Management Inc.; (2) quando un'entità di J.P. Morgan riceve servizi, ad esempio di esecuzione e compensazione delle transazioni, da una sua consociata; (3) quando J.P. Morgan riceve un pagamento a fronte dell’acquisto di un prodotto d’investimento per conto di un cliente; o (4) quando J.P. Morgan riceve pagamenti per la prestazione di servizi (tra cui servizi agli azionisti, di tenuta dei registri o deposito) in relazione a prodotti d’investimento acquistati per il portafoglio di un cliente. Altri conflitti potrebbero scaturire dai rapporti che J.P. Morgan intrattiene con altri clienti o quando agisce per proprio conto.

Le strategie d'investimento, selezionate tra quelle offerte dai gestori patrimoniali di J.P. Morgan ed esterni, sono sottoposte al vaglio dei nostri team di ricerca sui gestori. Partendo da questa rosa di strategie, i team di costruzione del portafoglio scelgono quelle che a nostro avviso meglio rispondono agli obiettivi di allocazione di portafoglio e ai giudizi prospettici al fine di soddisfare l’obiettivo d’investimento del portafoglio.

In linea di massima, viene data preferenza alle strategie gestite da J.P. Morgan. Prevediamo che, subordinatamente alle leggi applicabili e ai requisiti specifici del conto, la percentuale di strategie del Gruppo potrebbe essere elevata (anche fino al 100 %) per i portafogli incentrati, ad esempio, sugli strumenti di liquidità e sulle obbligazioni di qualità elevata.

Anche se le strategie gestite internamente si allineano bene ai nostri giudizi prospettici e sebbene conosciamo i processi d’investimento e la filosofia di rischio e di compliance della società, è importante osservare che l’inclusione di strategie gestite internamente genera un maggior livello di commissioni complessive a favore di J.P. Morgan. In alcuni portafogli diamo la possibilità di optare per l'esclusione delle strategie gestite da J.P. Morgan (al di fuori dei fondi cash e di liquidità).

I Six Circles Funds sono fondi comuni registrati negli Stati Uniti e gestiti da J.P. Morgan, che si avvalgono della sub-consulenza di terzi. Sebbene siano considerati strategie gestite internamente, JPMC non applica una commissione per la gestione dei fondi o altri servizi legati ai fondi.

INFORMAZIONI SU ENTITÀ GIURIDICHE, NORMATIVE E MARCHI

Negli Stati Uniti, i conti bancari di deposito e i servizi affini, come i conti correnti, conti risparmio e prestiti bancari, sono offerti da JPMorgan Chase Bank, N.A., membro della FDIC.

JPMorgan Chase Bank, N.A. e le sue consociate (collettivamente “JPMCB”) offrono prodotti d’investimento che possono includere conti d’investimento gestiti dalla banca e servizi di custodia, nell’ambito dei propri servizi fiduciari e di amministrazione. Altri prodotti e servizi d’investimento, come brokeraggio e consulenza, sono offerti tramite J.P. Morgan Securities LLC (“JPMS”), membro di FINRA e SIPC. I rendimenti annuali sono resi disponibili tramite Chase Insurance Agency, Inc. (CIA), un'agenzia assicurativa autorizzata, che opera come Chase Insurance Agency Services, Inc. in Florida. JPMCB, JPMS e CIA sono consociate sotto il controllo comune di JPM. Prodotti non disponibili in tutti gli Stati.

In Germania, il presente materiale è pubblicato da J.P. Morgan SE, con sede legale in Taunustor 1 (TaunusTurm), 60310 Francoforte sul Meno, Germania, autorizzata dalla Bundesanstalt für Finanzdienstleistungsaufsicht (BaFin) e soggetta alla supervisione congiunta della BaFin, della Banca Centrale tedesca (Deutsche Bundesbank) e della Banca Centrale Europea (BCE). Nel Lussemburgo, il presente materiale è pubblicato da J.P. Morgan SE – Filiale del Lussemburgo, sede legale European Bank and Business Centre, 6 route de Treves, L-2633, Senningerberg, Lussemburgo, autorizzata dalla Bundesanstalt für Finanzdienstleistungsaufsicht (BaFin) e soggetta alla supervisione congiunta della BaFin, della Banca Centrale tedesca (Deutsche Bundesbank) e della Banca Centrale Europea (BCE); J.P. Morgan SE – Filiale del Lussemburgo è altresì soggetta alla supervisione della Commission de Surveillance du Secteur Financier (CSSF) ed è iscritta al R.C.S del Lussemburgo col n. B255938. Nel Regno Unito, questo materiale è pubblicato da J.P. Morgan SE – Filiale di Londra, sede legale in 25 Bank Street, Canary Wharf, Londra E14 5JP, autorizzata dalla Bundesanstalt für Finanzdienstleistungsaufsicht (BaFin) e soggetta alla supervisione congiunta della BaFin, della Banca Centrale tedesca (Deutsche Bundesbank) e della Banca Centrale Europea (BCE); J.P. Morgan SE – Filiale di Londra è anche soggetta alla regolamentazione della Financial Conduct Authority and Prudential Regulation Authority. In Spagna, il presente materiale è distribuito da J.P. Morgan SE, Sucursal en España, con sede legale in Paseo de la Castellana, 31, 28046 Madrid, Spagna, autorizzata dalla Bundesanstalt für Finanzdienstleistungsaufsicht (BaFin) e sottoposta alla supervisione congiunta della Bafin, della Banca Centrale tedesca (Deutsche Bundesbank) e della Banca Centrale Europea (BCE); J.P. Morgan SE, Sucursal en España è inoltre supervisionata dalla Commissione del Mercato dei Valori Mobiliari (CNMV) ed è iscritta nel registro amministrativo della Banca di Spagna come succursale di J.P. Morgan SE al numero 1567. In Italia, il presente materiale è distribuito da J.P. Morgan SE – Succursale di Milano, sede legale in Via Cordusio 3. 20123 Milano, Italia, autorizzata dalla Bundesanstalt für Finanzdienstleistungsaufsicht (BaFin) e sottoposta alla supervisione congiunta della Bafin, della Banca Centrale tedesca (Deutsche Bundesbank) e della Banca Centrale Europea (BCE); J.P. Morgan SE – Succursale di Milano è anche sottoposta alla vigilanza della Banca d'Italia e della Commissione Nazionale per le Società e la Borsa (CONSOB); è iscritta presso la Banca d'Italia come succursale di J.P. Morgan SE al numero 8076; numero di iscrizione presso la Camera di commercio di Milano: REA MI - 2536325. Nei Paesi Bassi, il presente materiale è distribuito da J.P. Morgan SE – Amsterdam Branch, con sede legale presso il World Trade Centre, Tower B, Strawinskylaan 1135, 1077 XX, Amsterdam, Paesi Bassi, autorizzata dalla Bundesanstalt für Finanzdienstleistungsaufsicht (BaFin) e sottoposta alla supervisione congiunta della Bafin, della Banca Centrale tedesca (Deutsche Bundesbank) e della Banca Centrale Europea (BCE); J.P. Morgan SE – Amsterdam Branch è inoltre autorizzata e supervisionata da De Nederlandsche Bank (DNB) e dell’Autoriteit Financiële Markten (AFM) nei Paesi Bassi. Registrata presso la Kamer van Koophandel come filiale di J.P. Morgan SE. con il numero 72610220. In Danimarca, il presente materiale è distribuito da J.P. Morgan SE – Copenhagen Branch, filial af J.P. Morgan SE, Tyskland, con sede legale presso Kalvebod Brygge 39-41, 1560 København V, Danimarca, autorizzata dalla Bundesanstalt für Finanzdienstleistungsaufsicht (BaFin) e sottoposta alla supervisione congiunta della Bafin, della Banca Centrale tedesca (Deutsche Bundesbank) e della Banca Centrale Europea (BCE); J.P. Morgan SE – Copenhagen Branch, filial af J.P. Morgan SE, Tyskland è anche soggetta alla supervisione di Finanstilsynet (l’autorità di vigilanza finanziaria danese) ed è registrata presso Finanstilsynet come filiale di J.P. Morgan SE con il numero 29010. In Svezia, il presente materiale è distribuito da J.P. Morgan SE – Stockholm Bankfilial, con sede presso Hamngatan 15, Stoccolma, 11147, Svezia, autorizzata dalla Bundesanstalt für Finanzdienstleistungsaufsicht (BaFin) e sottoposta alla supervisione congiunta della Bafin, della Banca Centrale tedesca (Deutsche Bundesbank) e della Banca Centrale Europea (BCE); J.P. Morgan SE – Stockholm Bankfilial è inoltre soggetta alla supervisione di Finansinspektionen (l’autorità di vigilanza finanziaria svedese) ed è registrata presso Finansinspektionen come filiale di J.P. Morgan SEIn Francia, il presente materiale è distribuito da JPMorgan Chase Bank, N.A., Filiale di Parigi, con sede legale in 14, Place Vendôme, Parigi 75001, Francia, iscritta presso la Cancelleria del Tribunale Commerciale di Parigi con il numero 712 041 334 e autorizzata da dalle autorità bancarie francesi (Autorité de Contrôle Prudentiel et de Résolution e Autorité des Marchés Financiers). In Svizzera, il presente materiale è distribuito da J.P. Morgan (Suisse) SA, disciplinata in Svizzera dall’Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari (FINMA).

J.P. Morgan (Suisse) SA, con sede legale in rue du Rhône, 35, 1204, Ginevra, Svizzera, autorizzata e supervisionata dall'Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari (FINMA), come banca e gestore titoli in Svizzera. 

La presente comunicazione è una pubblicità ai fini della Direttiva sui mercati degli strumenti finanziari (MIFID II), e/o della legge svizzera sui servizi finanziari (FInSA). ). Gli investitori non devono sottoscrivere o acquistare strumenti finanziari a cui si fa riferimento nel presente annuncio se non sulla base delle informazioni contenute in qualsiasi documentazione legale applicabile, che è o sarà resa disponibile nelle giurisdizioni pertinenti (secondo necessità).

A Hong Kong, il presente materiale è distribuito da JPMCB, Filiale di Hong Kong, soggetta alla regolamentazione della Hong Kong Monetary Authority e della Securities and Futures Commission di Hong Kong. A Hong Kong cesseremo su Sua richiesta di usare gratuitamente i Suoi dati personali per i nostri fini di marketing. A Singapore, il presente materiale è distribuito da JPMCB, Filiale di Singapore, soggetta alla regolamentazione della Monetary Authority of Singapore. I servizi di negoziazione e consulenza e i servizi di gestione discrezionale degli investimenti sono erogati da JPMCB, Filiale di Hong Kong/Filiale di Singapore (come notificato). I servizi bancari e di deposito sono erogati da JPMCB, Filiale di Singapore. Il contenuto del presente documento non è stato esaminato da alcuna autorità di vigilanza di Hong Kong, Singapore o altre giurisdizioni. Si raccomanda ai clienti di utilizzare con cautela il presente materiale. Per sciogliere eventuali dubbi sul contenuto di questo documento, i clienti dovranno affidarsi alla consulenza di professionisti indipendenti. Per quanto riguarda i materiali che costituiscono pubblicità di prodotti ai sensi del Securities and Futures Act e del Financial Advisers Act, il contenuto pubblicitario del presente documento non è stato esaminato dalla Monetary Authority of Singapore. JPMorgan Chase Bank, N.A. è un’associazione bancaria nazionale costituita ai sensi delle leggi degli Stati Uniti e, in quanto persona giuridica, la responsabilità dei suoi azionisti è limitata.

Con riferimento ai Paesi dell’America Latina, la distribuzione del presente materiale potrebbe essere soggetta a restrizioni in alcune giurisdizioni. Ci riserviamo il diritto di offrirLe e/o venderLe titoli o altri strumenti finanziari che potrebbero non essere registrati ai sensi delle leggi che regolamentano i valori mobiliari o altri strumenti finanziari nel Suo Paese di origine e non soggetti a offerta pubblica in conformità a tali leggi. I suddetti titoli o strumenti Le sono offerti e/o venduti solo a titolo privato. Ogni comunicazione che Le inviamo relativamente a tali titoli o strumenti, compresa, a titolo esemplificativo, la consegna di un prospetto, delle condizioni d’investimento o di altro documento, non è da intendersi come un’offerta di vendita o sollecitazione di un’offerta d'acquisto di qualsivoglia titolo o strumento in qualunque giurisdizione in cui tale offerta o sollecitazione è illegale. Inoltre, i suddetti titoli o strumenti potrebbero essere soggetti a determinate restrizioni normative e/o contrattuali nei successivi trasferimenti ed è Sua esclusiva responsabilità accertarsi dell’esistenza di dette limitazioni e rispettarle. Se il contento della presente pubblicazione fa riferimento a un fondo, questo non può essere offerto pubblicamente in alcun Paese dell’America Latina senza la previa registrazione dei titoli del Fondo ai sensi delle leggi vigenti nella relativa giurisdizione. L’offerta pubblica di qualsiasi titolo, incluse le azioni del Fondo, senza previa registrazione presso la Comissão de Valores Mobiliários brasiliana – CVM è del tutto vietata. Alcuni prodotti o servizi contenuti nei materiali potrebbero non essere al momento disponibili sulle piattaforme brasiliana e messicana.

JPMorgan Chase Bank, N.A. (JPMCBNA) (ABN 43 074 112 011/N. licenza AFS: 238367) è disciplinata dalla Australian Securities and Investment Commission e dalla Australian Prudential Regulation Authority. La documentazione fornita in Australia da JPMCBNA è destinata esclusivamente ai “clienti wholesale”. Ai fini del presente paragrafo il termine “cliente wholesale” ha il significato attribuito a questa espressione dall’articolo 761G del Corporations Act 2001 (Cth). Se Lei al momento non è un Cliente Wholesale o se in futuro dovesse cessare di esserlo, La preghiamo di comunicarcelo.

JPMS è una società straniera registrata (all’estero) (ARBN 109293610) costituita nello Stato del Delaware, Stati Uniti d’America. Ai sensi delle leggi australiane per i servizi finanziari, una società di servizi finanziari quale J.P. Morgan Securities LLC (JPMS) è tenuta a ottenere l’apposita licenza AFSL (Australian Financial Services Licence), salvo nei casi di esenzione previsti. Ai sensi del Corporations Act 2001 (Cth) (Act), JPMS è esente dall’obbligo di ottenere la licenza AFSL in relazione al servizi finanziari che offre a Lei ed è regolamentata dalla SEC, dalla FINRA e dalla CFTC in conformità con le leggi statunitensi, che sono diverse da quelle australiane. La documentazione fornita in Australia da JPMS è destinata esclusivamente ai “clienti wholesale”. Le informazioni fornite nel presente materiale non sono destinate e non devono essere distribuite o comunicate, direttamente o indirettamente, ad alcuna altra categoria di soggetti in Australia. Ai fini del presente paragrafo il termine “cliente wholesale” ha il significato attribuito a questa espressione dall’articolo 761G dell’Act. Se Lei al momento non è un Cliente Wholesale o se in futuro dovesse cessare di esserlo, La preghiamo di comunicarcelo immediatamente.

Il presente materiale non è stato elaborato specificamente per gli investitori australiani. Di conseguenza:

  • potrebbe contenere riferimenti a importi in Dollari che non sono Dollari australiani;
  • potrebbe contenere informazioni finanziarie non redatte in conformità con le leggi o le prassi australiane;
  • potrebbe non tenere conto di rischi associati a investimenti denominati in valuta estera e
  • non considera aspetti fiscali australiani.

Eventuali riferimenti a “J.P. Morgan” riguardano JPM, le sue controllate e consociate in tutto il mondo. “J.P. Morgan Private Bank” è la denominazione commerciale dell’attività di private banking svolta da JPM. Il presente materiale è inteso per uso personale e non può essere distribuito o usato da terzi, né essere duplicato per uso non personale, senza la nostra autorizzazione. In caso di domande o se non desidera ricevere ulteriori comunicazioni, La preghiamo di rivolgersi al Suo team J.P. Morgan. 

© 2023 JPMorgan Chase & Co. Tutti i diritti riservati.

PER ULTERIORI INFORMAZIONI sulla nostra azienda e sui nostri professionisti dell’investimento, fare referimento a FINRA Brokercheck

Per ulteriori informazioni sull’attività di investimento di J.P. Morgan, compresi i nostri conti, prodotti e servizi, nonché il nostro rapporto con i clienti, è possibile consultare il nostro Modulo di autocertificazione CRS di J.P. Morgan Securities LLC e la Guida ai servizi di investimento e ai prodotti per il brokeraggio.


JPMorgan Chase Bank, N.A.
 e le sue consociate (collettivamente “JPMCB”) offrono prodotti d’investimento che possono includere conti gestiti dalla banca e servizi di custodia, nell’ambito dei propri servizi fiduciari e di amministrazione. Altri prodotti e servizi d’investimento, come brokeraggio e consulenza, sono offerti tramite J.P. Morgan Securities LLC (“JPMS”), membro di FINRA SIPC. I prodotti assicurativi vengono offerti tramite Chase Insurance Agency, Inc. (CIA), un’agenzia assicurativa autorizzata, che opera come Chase Insurance Agency Services, Inc. in Florida. JPMCB, JPMS e CIA sono società affiliate sotto il controllo comune di JPMorgan Chase & Co. I prodotti non sono disponibili in tutti gli Stati. Si raccomanda di leggere le Avvertenze legali unitamente a queste pagine.

I PRODOTTI DI INVESTIMENTO E ASSICURAZIONE: • NON SONO ASSICURATI DALLA FDIC • NON SONO ASSICURATI DA NESSUNA AGENZIA DEL GOVERNO FEDERALE • NON RAPPRESENTANO UN DEPOSITO O UN ALTRO OBBLIGO DI, O GARANTITO DA, JPMORGAN CHASE BANK, N.A. O QUALSIASI DELLE SUE AFFILIATE • SONO SOGGETTI A RISCHI DI INVESTIMENTO, COMPRESA LA POSSIBILE PERDITA DEL CAPITALE INVESTITO

JPMorgan Chase Bank, N.A. offre prodotti di deposito bancario, come assegni, risparmi e prestiti bancari e servizi correlati. Membro della FDIC. Non costituisce un impegno ad erogare un prestito. Tutte le offerte di credito sono soggette all’approvazione del finanziamento.